gennaio - aprile 2022

Corso di Psicodiagnostica del Bambino e dell'Adolescente

In ambito clinico e giuridico

L’Associazione Nuove Sinergie Clinica e Formazione di Milano organizza un Corso in Psicodiagnostica del Bambino e dell’Adolescente avvalendosi di docenti professionisti esperti della materia, che operano nel settore clinico e giudiziario sia civile sia penale.

Per psicodiagnosi si intende un approfondimento conoscitivo della struttura della personalità e del funzionamento mentale di un determinato individuo, possibile attraverso l’ausilio di diverse tecniche di valutazione, che verranno illustrate nel corso e corrispondente alla fascia dello sviluppo dall’infanzia fino all’adolescenza.

Obiettivi formativi:

  • L’acquisizione di competenze professionali in ambito clinico-diagnostico secondo l’inquadramento della psicopatologia descrittiva, della psicopatologia psicodinamica, delle neuroscienze e della psicologia giuridica.
  • La conoscenza e l’acquisizione di competenze nella somministrazione ed interpretazione dei principali test proiettivi, test di personalità, test neuropsicologici.
  • La valutazione clinica integrata dei principali strumenti psicodiagnostici con finalità d’ambito clinico, giuridico, penitenziario e di ricerca.

Nel corso viene approfondito il concetto di perizia trasformativa laddove la sola preoccupazione diagnostica-valutativa rischia di fornire una lettura schematica e riduttiva rispetto alla complessità della realtà psichica indagata e di porre il professionista in una posizione difensivamente distanziante e illusoriamente “neutrale”, viene approfondita l’importanza che il professionista sia consapevole del proprio apporto personale alla qualità dell’interazione che si crea all’interno del contesto peritale.

L’accertamento peritale così inteso mira non tanto a fornire una fotografia statica del funzionamento mentale del paziente ma, tenuto conto anche della dinamiche transferali e controtransferali ubiquitarie in ogni relazione umana, si appresta a fornire una lettura dinamica della realtà psichica indagata, ove grande attenzione viene riservata alle risorse e potenzialità presenti nel funzionamento mentale dell’individuo su cui poter contare proprio per orientare un processo di cambiamento psichico, e non solo agli aspetti carenti e peraltro spesso più evidenti.

L’applicazione della psicoanalisi alle istituzioni è feconda di significati simbolici, perché considera gli stati mentali del soggetto che si sviluppano in ogni ambito relazionale, interindividuale, di coppia, di famiglia, di piccolo gruppo, di grandi gruppi di appartenenza, di comunità nazionali e sovranazionali.

La lettura simbolica della scena storico-circostanziale del gruppo istituzionale giuridico, che entra in relazione con il soggetto, nell’ambito penale minorile, consente di assumere i comportamenti e i vissuti del soggetto come elementi di una comunicazione profonda, espressa con atteggiamenti, gesti, comportamenti e parole interpretabili al pari della scena di un sogno. Attraverso il mandato giuridico, è possibile raggiungere, gli stati mentali dell’adolescente autore di reato, per coglierne il significato affettivo profondo che li ha originati, nonostante le modalità paradossali con cui li esplicita, già ritenute da Winnicot come “SOS”, vale a dire come richiesta di aiuto, e perciò ”segno di speranza”.

Tale approccio richiede la trasformazione della presa in carico coatta, su mandato della Magistratura, in una relazione di aiuto, capace di accogliere e capire piuttosto che meramente giudicare o diagnosticare il disagio psichico, considerando che il superamento della dicotomia osservazione-trattamento, in questo ambito, può consentire l’inizio della presa in carico e favorirne la continuità. L’istituto giuridico della “messa alla prova”, prevede “progetti psico-socio-educativi”, mirati al superamento del blocco evolutivo intrinseco, nell’adolescente autore di reato, vale a dire un trattamento che richiede una modalità riorganizzativa di speranza nel recupero maturativo, piuttosto che una dimensione sanzionatoria, inevitabilmente evocativa dell’irrimediabilità del male, commesso in una fase iniziale e transitoria della propria vita.

In tal senso “la cura vale la pena”, perché consente il reale sviluppo della responsabilità, che necessariamente deve essere condivisa da un mondo adulto ingaggiato nel sostenere e condividere la sfida della crescita, piuttosto che dal sensazionalismo negativo della sua caduta.

Tale approccio, con i necessari adattamenti alla peculiarità del contesto giuridico civile, si rivela fecondo anche nei procedimenti a tutela del “minore” cioè mirati a garantire le condizioni necessarie al positivo sviluppo evolutivo del bambino. Un approccio volto ad “accogliere e capire”, piuttosto che declinato rigidamente nel solo “giudicare e valutare”, può costituire, per la funzione genitoriale, una presenza mentalmente contenitiva, capace di recepire e insieme trasformare lo stato mentale dell’interlocutore. “La risorsa trasformativa siamo noi”, allorquando, in ambito giuridico minorile, la consapevolezza del ruolo peculiare in ambito giuridico minorile, del transfert e del controtransfert dell’operatore, ci consente, nella relazione, di avvicinare il magma del non ancora pensato, ma trasposto nell’azione delittuosa, per poterlo mentalmente contenere e trasformare in parole, che sono in grado di dirlo. 

Destinatari

  • Laureati o laureandi in Psicologia
  • Iscritti all’Albo degli Psicologi (criminologi o consulenti del tribunale)
  • o all’Albo dei Medici specializzandi/specializzati in Psichiatria e/o in Psicologia Clinica e/o in Psicoterapia

Il corso, pur essendo indirizzato alle categorie indicate, può rappresentare un utile strumento di supporto interpretativo anche per tutti i giuristi che si occupano di problematiche, civili e penali, che in qualche modo coinvolgono minori.

Commissione scientifica

Dott.ssa Mirella Curi Novelli - Responsabile Master

Membro Ordinario SPI e IPA, Fondatore e Didatta IIPG e EFPP, Presidente e Socio Fondatore dell’Associazione Nuove Sinergie.

Dott.ssa Giulia Bruna Delli Zotti - Tutor e Segreteria Master

Psicologa, Psicoterapeuta individuale e di gruppo. Lavora come consulente presso l’IRCCS Ospedale San Raffaele e in ambito privato.

Docenti

Dott.ssa Maria Domenica Maggi

Psicologa, psicoterapeuta dell’età evolutiva. Giudice Onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Milano. Ha svolto attività nei Servizi di Neuropsichiatria Infantile, Servizi Tutela Minori e come Consulente Tecnico in ambito civile presso Tribunali Ordinari e il Tribunale per i Minorenni di Milano. Docente presso Scuole di Psicoterapia, Master universitari, Corsi di alta formazione.

Dott.ssa Roberta Perduca

Psicologa, psicoterapeuta ad orientamento psicoanalitico. Referente tecnico scientifico del Servizio Minori sottoposti a Procedimento Penale del Comune di Milano e supervisore clinico della casistica afferente al Servizio. CTU con i Tribunali per i Minorenni del territorio nazionale. Autrice di pubblicazioni inerenti antisocialità in età adolescenziale.

Dott.ssa Marina Gasparini

Psicologa e Psicoterapeuta, con attestazione di esperto in Psicologia Clinica, Psicologia Giuridica e Psicologia dell’Età evolutiva. Responsabile del Servizio minori sottoposti a procedimento penale, coordinatore tecnico territoriale dei Servizi Sociali del Comune di Milano. Ha effettuato docenze presso i corsi formativi per difensori nel processo penale minorile, presso il CSM e presso l’Asl di Milano e di Pavia. Ha svolto attività di Giudice Onorario presso il Tribunale per i minorenni di Milano. La sua formazione psicoanalitica ha orientato la ricerca di modelli e metodologie di intervento focalizzati sul mondo interno del soggetto e sulla sua possibile evoluzione in contesti traumatici e in momenti cruciali per lo sviluppo della mente e la nascita del pensiero. Le tematiche approfondite riguardano l’adozione e il trattamento della delinquenza minorile.

Dr. Franco Martelli

Psichiatra, svolge attività peritale psichiatrica e criminologica dal 1989. CTU in campo penale, civile e minorile. È stato professore a contratto in Psichiatria Forense e Criminologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Milano, ed è docente per Master Universitari e Corsi di Perfezionamento in Criminologia e Psicopatologia Forense. Autore di numerose pubblicazioni in ambito criminologico.

Dott.ssa Silvia Inglese

È psicologa, psicoterapeuta e specialista in neuropsicologia. I suoi principali campi di interesse sono la diagnosi precoce di deterioramento cognitivo, lo studio dei correlati anatomo-funzionali delle funzioni cognitive e la loro modificazione su base patologica, il sostegno psicologico al soggetto con Mild Cognitive Impairment e il supporto al caregiver o alle famiglie dei malati di demenza. È autrice di diversi articoli scientifici a tema psicologico e neuropsicologico pubblicati su riviste nazionali e internazionali. Collabora come ausiliario neuropsicologo in ambito forense e medico-legale.

Avv. Patrizia Comite

Dopo la laurea in Giurisprudenza si è abilitata al patrocinio presso le Corti superiori come Avvocato Civilista. Autrice e coautrice di pubblicazioni, anche a carattere scientifico, sul tema del diritto alla salute, del rischio clinico e della responsabilità civile da malpratica professionale medica. Docente per l’insegnamento di diritto socio-sanitario presso gli Atenei Umanitaria di Milano e Ciels di Bologna. Docente al Master MAMAF di Il livello dell’Università di Pavia — Dipartimento di Scienze del Farmaco, Formatrice, anche in ambito ECM e Relatrice in Convegni e Congressi, Responsabile della compliance e degli affari legali di ANMAR Onlus e membro del Comitato scientifico dell’Osservatorio CAPIRE. Collabora con diverse associazioni per la tutela e la garanzia del diritto alla salute.

Metodologia didattica

Le lezioni verranno svolte interamente on line attraverso un approccio frontale-interattivo finalizzato alla presentazione degli aspetti teorici e dei modelli scientifici in psicodiagnostica, integrato ad esercitazioni pratico-cliniche che prevedono la somministrazione guidata di test e la discussione interattiva di casi in ambito clinico, neuropsicologico, e giuridico.
Sarà presente per gli studenti iscritti al corso un Servizio di Tutoring, gestito dalla Dott.ssa Giulia Delli Zotti, finalizzato al funzionamento ottimale del corso.

Attestato

A conclusione del corso gli allievi riceveranno un attestato di frequenza nel quale è specificato il tipo di training formativo sostenuto. Non sono previsti crediti ECM.

Calendario delle lezioni

Modalità di iscrizione

  • Per iscriversi è necessario scrivere una mail all’indirizzo: info@nuovesinergie.com, allegando un breve curriculum.
  • Una volta che la candidatura sarà accettata si chiederà il versamento di metà della quota del corso.
  • La residua parte andrà versata sette giorni prima dell’inizio del corso, su richiesta della segreteria.

Le iscrizioni, accettate fino a disponibilità di posti, si effettuano presso la Segreteria del Master:

Via F. Lomonaco, 3
Milano (MI)
mail: info@nuovesinergie.com

Il numero minimo per l’attivazione del Corso è di 25 iscritti. Qualora il numero minimo di iscritti non venisse raggiunto le date fissate subiranno una modifica per consentire l’espletamento del corso.

Quota di iscrizione

Il costo d’iscrizione al corso è di euro 240,00 (da versare 120,00 euro di acconto al momento dell’iscrizione e il saldo all’inizio del corso).

Sia per la metà in acconto sia per il saldo, il pagamento va effettuato con bonifico bancario a:

Associazione Nuove Sinergie Clinica e formazione
Ag. Unicredit, p.le Loreto Milano
IBAN IT 05 G 02008 01622 000105204862

Inserire nella causale del versamento: Corso Psicodiagnostica Bambino e Adolescente 2021.

Risorse

Per la foto di copertina ringraziamo G. Bergomi